Home Video Romagna slang [episodio 1] – La Pasqueta
0

Romagna slang [episodio 1] – La Pasqueta

0

40 clip video per far conoscere a tutti, specie ai più giovani, modi di dire e significati del dialetto romagnolo. In pratica il primo “tutorial” della lingua romagnola. L’iniziativa è dell’Istituto Friedrich Schürr, associazione per la salvaguardia e la tutela del dialetto romagnolo.

La serie, dal titolo “Romagna slang – U s dis in rumagnôl”, è stata pubblicata a puntate sul canale youtube dell’Istituto. Ora sbarca su Romagna da Vivere grazie alla gentile concessione dell’associazione.

L’Istituto per i Beni Artistici, Culturali e Naturali ha finanziato il progetto a norma della Legge Regionale 16/2014 per la salvaguardia e la valorizzazione dei dialetti dell’Emilia-Romagna. I volontari della Schürr hanno curato soggetti e testi, mentre il gruppo multimediale riminese Icaro Communication ha curato la realizzazione tecnica.

I brevi filmati hanno struttura fissa. Un breve sketch contestualizza la parola o il modo di dire, prima dell’intervento dell’esperto che fornisce la spiegazione. 34 video illustrano un termine o un modo di dire romagnlo, i restanti sei prendono invece in giro l’abuso di termini inglesi nella comunicazione di oggi. Mostrando come si possono tradurre in corretto romagnolo parole come Ceo, personal trainer, low cost e tante altre.

Un nonno, una nipote ed un nipotino sono i protagonisti dei video che mettono in campo un incontro/scontro linguistico tra generazioni e tra lingua italiana e dialetto. Alfonso Nadiani recita il ruolo del nonno, Cristina Vespignani e il piccolo Leonardo Donati i nipoti. Sono tutti componenti della Compagnia Amici del Teatro di Cassanigo. Marco Grilli interpreta l’esperto di dialetto. Gilberto Casadio, Carla Fabbri e Silvia Togni hanno curato i testi.

Su Romagna da Vivere pubblicheremo ogni settimana una clip tratta dal progetto “Romagna Slang”. Cominciamo con “La Pasqueta”: perché se oggi tutti indichiamo con il termine “pasquetta” il lunedì di Pasqua, nella tradizione romagnola questo nome è invece dedicato ad un’altra festività…Buona visione!